vi amo

 

Psichiatria: dal greco psyché (ψυχή) = spirito, anima e iatros (ιατρός) che significa cura (medica). Letteralmente la disciplina si dovrebbe occupare della “cura dell’anima”.

Partendo dunque dall’etimologia del termine, la psichiatria è quella branca della Medicina il cui scopo ultimo è quello di guarire il dolore, la sofferenza, la frustrazione dell’anima. Questo è un ruolo di enorme importanza, un ruolo che riveste lo psichiatra, o almeno che dovrebbe rivestirlo, di una grande consapevolezza di responsabilità e questo, forse 30 anni fa accadeva, ma oggi?
Chi avrà dovuto nel corso della propria vita rivolgersi ad uno psichiatra o avrà dovuto accompagnare un familiare si sarà reso ben conto di cosa oggi, nella stragrande maggioranza dei casi, sia la psichiatria: somministrazione (ragionata?) di psicofarmaci, che nella migliore delle ipotesi, quella cioè in cui lo psichiatra riesca esattamente ad identificare il problema, non farà che sopire la percezione di quel dolore, ma NON lo risolverà.
Se chiedete ad un qualunque medico quale il fine di una terapia medica, vi risponderà che è l’eliminazione della causa della malattia, non del sintomo. Certo, ci sono malattia non curabili e per esse vi è la medicina palliativa il cui scopo è proprio quello di migliorare la qualità di vita di chi sta vivendo il dramma di una malattia incurabile ed inguaribile.
La psichiatria che somministra farmaci come unico intervento è una psichiatria che ha delegato il suo compito in maniera più o meno consapevole alla chimica ed al mercato e che si può dire abbia abdicato al suo ruolo preferendo mantenersi nella propria comfort zone.
Ciò chiaramente non significa sostenere che non vi siano psichiatri desiderosi di assolvere alla loro missione, di prendersi cura e di prendere in cura; non significa che non vi sia una resistenza interna alla totale e generalizzata farmacotizzazione (e medicalizzazione) di qualunque condizione umana, ma è molto importante essere consapevoli che la maggior parte sarà propensa alla prescrizione di farmaci piuttosto che alla costruzione di una relazione terapeutica.

Tenterò ora di stilare una breve lista di 10 punti che ciascuno si troverà costretto a recarsi da uno psichiatra potrà tenere a mente per crearsi un parere critico sulla persona che si troverà di fonte e valutare quindi il successivo daffare.

  1. E’ utile valutare quanto e se lo psichiatra conosca le neurodiversità (Spettro Autistico, Sindrome di Asperger, Dislessia, Discalculia, FASD,…). Molte persone portatrici di una di queste condizioni è stata erroneamente diagnosticata come Bipolare, Schizofrenica e altre psicosi. Quindi sapere se chi si ha davanti saprebbe riconoscerle e distinguerle può essere un buon indicatore della preparazione del medico.
  2. Fare attenzione a eventuali atteggiamenti seduttivi; ciò può aiutare ad evitare di trovarsi manipolati e invischiati in situazioni che non hanno nulla di terapeutico.
  3. Fare attenzione a battute sessiste. Uno psichiatra che abbia scarsa stima delle donne o degli uomini, evidenzia una tendenza a credersi superiore e questa è una cosa estremamente pericolosa!
  4. Chiedere sempre se prima di ricorrere all’uso di farmaci sia possibile prendere in considerazione un percorso di psicoterapia e quale scuola di pensiero il medico ritenga più adatta a noi. Le risposte indicheranno immediatamente la sua scuola di pensiero e dunque quanto questa persona sia affine a noi.
  5. Chiedere spiegazioni chiare ed esaustive circa l’eventuale terapia farmacologica e la durata indicativa del trattamento oltre e soprattutto a quali saranno i successivi passi per affrontare le origini del nostro dolore, perchè solo risalendo alle origini, affrontandole e oltrepassandole si GUARIRA’!
  6. Chiedere informazioni chiare ed esaustive circa la diagnosi che il medico farà, ma soprattutto circa quali siano gli elementi che lo hanno convinto quella sia la diagnosi corretta.
  7. Esprimere SEMPRE i propri dubbi su qualunque momento della visita o della relazione di cura non ci sia chiaro e MAI accettare le spiegazioni che vengono fornite se risultano non soddisfacenti! L’ignoranza genera confusione e chi cerca di mantenere nell’ignoranza vuol dire che ha qualcosa da nascondere, nel migliore dei casi la propria incompetenza.
  8. Qualunque cosa accada durante la visita o il percorso terapeutico che ci faccia supporre esserci qualcosa che non va, confrontarsi sempre con un’associazione di pazienti o con il tribunale dei diritti del malato. Mantenendo sempre salda l’idea che soffrire di una patologia psichiatrica, neuropsichiatrica, intellettiva o psicologica non autorizza NESSUNO a infliggere sofferenza o a non mantenere equilibrato il rapporto medico-paziente.
  9. Se il medico cercasse di convincervi di idee che non condividete non limitatevi dal farlo notare osservando quale sia la sua reazione e se le idee con le quali cerca di imporvi la sua convinzione fossero particolarmente stravaganti o offensive comunicatelo al Direttore Sanitario e a un’Associazione Pazienti.
  10. Essere consapevoli che moltissime condizioni organiche anche non neurologiche, possono indurre o aumentare una problematica psichica. Siamo mente e corpo e l’una interagisce vicendevolmente con l’altro senza soluzione di continuità. Non tenerlo in considerazione è un errore gravissimo che prima o dopo presenterà il conto di questa superficialità.

Chiunque può sbagliare, ma chi non accetta questa eventualità è, soprattutto se portatore di così grandi responsabilità, una persona dalla quale guardarsi. Voler capire, fare domande e, perchè no, anche insinuare un dubbio sono tutte azioni che mostrano attenzione, critica e partecipazione attiva al proprio percorso di cura, interesse insomma ed il medico è tenuto a rispondere e assicurarsi che chi gli sta innanzi abbia ben capito. Ciascuno di noi ha pieno diritto di non capire e di voler che gli venga spiegato, non ci sono sbuffi, impegni, burocrazia che tenga! Chiarezza e consapevolezza contro delega e deresponsabilizzazione.
Solo in questo modo è possibile evitare che qualcuno agisca PER noi, invece che CON noi!

 

Annunci