rapporto-Gimbe-2016-20025

 

La campagna Salviamo il nostro Servizio Sanitario Nazionale, #salviamoSSN, lanciata dalla Fondazione GIMBE nel marzo 2013, ha raggiunto oggi oltre 4.600 sottoscrizioni.

Gimbe con il sostegno e la fiducia di quanti hanno creduto nel suo lavoro ha realizzato numerose iniziative, finalizzate a salvaguardare la più importante conquista sociale dei cittadini italiani: un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico da difendere e garantire alle future generazioni.

In particolare, i risultati ottenuti in questi tre anni di studi, consultazioni e analisi indipendenti hanno permesso di presentare lo scorso 7 giugno il “Rapporto sulla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale 2016-2025”, che sintetizza i risultati di studi, consultazioni e analisi indipendenti condotti nell’ambito della campagna #salviamoSSN.

Logo_salviamo_SSN_sito_1b

 

Ciò che auspica GIMBE, dopo aver stimato in 25 miliardi di € il fabbisogno del SSN per l’anno 2025, attraverso un attento “piano di salvataggio” che consiste nel disinvestimento da sprechi ed inefficienze, tra cui anche la corruzione che non riguarda solo, come si potrebbe credere, la famosa “bustarella”, ma proprio lo spreco e il lavorare senza etica, è di recuperare 25 miliardi di €/anno, di potenziare la sanità integrativa e la ripresa del finanziamento pubblico.

Ribadisce però che in assenza di un preciso piano politico per attuare tali misure, il crac della sanità pubblica sarà inevitabile.

Data proprio l’universalità del nostro Sistema Sanitario è fondamentale che ciascuno faccia sentire la propria voce e dunque l’invito è di diffondere e commentare il Rapporto partecipando alla consultazione pubblica aperta sino al 30 settembre per tutti i protagonisti della sanità, tra i quali il cittadino riveste un ruolo fondamentale!

Annunci